Escursionismo nel Parco Nazionale della Sila

Anello Santa Maria del Bosco-Colla del Monaco-Le Melogne-Michelina-Santa Maria del Bosco (Monti delle Serre) - 17 aprile 2016

17 APRILE 2016

E primavera è stata. Quest'anno in anticipo rispetto alla normalità. Colori e profumi della bella stagione prendono il sopravvento già a fine marzo. Sulle Serre, in concreto, e anche in Sila, fino ad una certa altezza, le foglie dei faggi escono allo scoperto già alla fine di marzo-inizio aprile. E praticamente alla metà di quest'ultimo mese abbiamo una situazione che sembra già di un periodo molto più avanzato, almeno di 30-35 giorni in avanti. Ma per quest'anno è andata così, speriamo non faccia gelate tardive. Dopo un inverno inesistente era previsto questo anticipo delle fioriture. 
Domenica 17 aprile effettuo un'escursione ad anello, o meglio ripercorro angoli già visitati, ma che è sempre un piacere rivedere per la loro bellezza. E non sarà certamente l'ultima volta.


LA MAPPA DEL PERCORSO

Mi incammino da Santa Maria del Bosco, lungo il sentiero che parte dal Laghetto San Bruno, e raggiungo i capannoni dell'azienda la foresta. Sulla sinistra si diparte un altro sterrato che procede a rettilineo, a sinistra del torrente Vallone del Vento, tra faggi e abeti. Pendenza in principio nulla, la quale aumenta dopo qualche km. 










Al bivio, nei pressi di una confluenza tra torrenti, vado a destra. Prima che lo sterrato principale giri a sinistra ad angolo acuto, procedo lungo il sentiero secondario che va avanti diritto, il quale, poco su, si perde. Procedo liberamente, in una faggeta, verso nord-ovest. 



Pervengo così una strada bianca, in sostanza scavata nel terreno, che arriva sempre da Serra e che seguo a sinistra, in salita. Sulla destra, tra faggi e castagni, si aprono una serie di panorami verso nord e in direzione di Serra San Bruno. 





Continuo a camminare in salita e nel giro di pochissimo sono sul crinale di Colla del Monaco, deturpato da orribili tagli e da da un traliccio, ben visibile da mezza Calabria. 


Sul lato opposto dell'ampio sentiero di crinale, tra le ginestre, uno sterrato si stacca e inizia a scendere un po'. Ovunque fioriture di viole e altri fiori.



Tratto molto degradato ma anche con qualche bel panorama in direzione occidente, con il mar Tirreno, la parte nord della Piana di Gioia Tauro e il Poro, sullo sfondo. 
Confusione vegetale costituita da castagneti cedui, abeti sparsi e tratti molto belli di faggeta. 




 Il Fosso Piccolo










Al bivio vado diritto e al successivo a sinistra, nella faggeta. 
Ed ecco il magnifico panorama de Le Melogne, uno dei più belli delle Serre. In lontananza possiamo notare anche Vibo Valentia. 






Alla biforcazione vado a destra, in leggera discesa. Ma la salita non tarda a ritornare. Tratto di pecceta alpina di rimboschimento e anche qualche bel faggio.



 All'incrocio scendo a sinistra. Poco giù la pista forestale si disperde e vado avanti liberamente, a mezza costa, tra boschetti e belle radure, una in particolare dall'aspetto decisamente alpestre. 


Raggiunto il sentiero continuo a destra, in salita, in una pineta di pino laricio. In breve sono sul crinale nei pressi di Michelina (spartiacque tra versante tirrenico e quello serrese ionico). Mi addentro così nel Bosco di Santa Maria fino a ritornare nel punto di partenza.


Nessun commento:

Posta un commento