Escursionismo nel Parco Nazionale della Sila

Escursione a MONTE VOLPINTESTA da SAN NICOLA SILVANA MANSIO (Sila Grande "CS") - 29 aprile 2012

29 aprile 2012. Ci troviamo nel Parco Nazionale della Sila. Oggi effettuiamo un’escursione sul Monte Volpintesta (1729 m), salendo dalla vecchia stazione ferroviaria di San Nicola-Silvana Mansio. 
La sterrata segue dapprima un’ampia radura circondata dalla pineta. Dopo di che ci immergiamo completamente nel bosco di pino laricio con qualche faggio isolato. 




Sin dall’inizio il soave canto del cuculo ci fa compagnia. Come dice lo scrittore Mauro Corona “il vecchio amico è tornato. Quello che attendi ogni anno con affetto è riapparso. S’è fatto vivo improvvisamente e, come al solito, ha ripreso a cantare nella selva. … È l’annuncio di una nuova primavera”.
Facendo attenzione ai numerosi bivi e, seguendo i segnali dell’ente Parco Nazionale della Sila e del CAI, raggiungiamo il crinale, dove iniziano ad aprirsi delle radure erbose, impreziosite da una miriade di crochi, il fiore protagonista della primavera in montagna. 















Arriviamo così alla prima delle due vette del Volpintesta (quella più meridionale), la meno elevata ma la più bella in quanto un panorama incantevole si apre da tutte le parti, specialmente verso meridione. Attorno alla cima un piccolo laghetto arricchisce ancor di più questo stupendo paesaggio silano di primavera. Di qua e di la presenti ancora chiazze di neve. 










Ci avviamo poi verso nord e, attraverso il bosco, ora misto di faggi, pino laricio e qualche abete bianco, arriviamo alla seconda vetta, la più alta (1729 m) di tutta la dorsale del Volpintesta-Timpone Grillo. Questa però è coperta dagli alberi. Ma più in basso un altro belvedere si apre incantevole verso nord. In lontananza i rilievi settentrionali della Val di Neto, con i selvaggi boschi di Arnocampo. 
Il ritorno lo effettuiamo dallo stesso percorso. 


















Tempo di percorrenza. ore 4,5
Difficoltà. E

Nessun commento:

Posta un commento